LIBRO PER NATALE! TRA NOIR E STORIA LA VITA DI UN PILOTA: 🏁TAZIO NUVOLARI

In occasione della presentazione nella Sala Reggio  della Biblioteca Panizzi, a Reggio Emilia, del romanzo _”1049”_ di Eugenio Pattacini e Alessandro Zelioli, casa editrice Epika Edizioni, ho “incontrato“ l’asso della velocità: Tazio Nuvolari.

Le pagine del libro raccontano un genio naturale come pilota motociclistico e automobilistico.

Scopro, così, nel romanzo _“1049”_ due anime. Una si muove dentro un giallo noir, in compagnia dell’ispettore Barletta che indaga su un duplice omicidio, ambientato tra Reggio Emilia e Montecchio Emilia, fino ad arrivare a Firenze nell’ambiente delle corse, con accelerazioni, mutamenti e cambi di scena. L’altra anima storica-motoristica percorre gli eventi fondamentali della vita di Tazio Nuvolari, con aneddoti, foto, documenti e racconta nel dettaglio, anche, una curiosità avvenuta durante la Mille Miglia del 1948, a Reggio Emilia.

“Nuvolari ha un corpo eccezionalee la sua incomparabile creatività sull’…”Alfa rossa gli fa fare quello che vuole e la gente arriva in mucchio e si stende sui prati” .

In questa bellissima biografia musicale di Lucio Dalla e Roberto Roversi si scandaglia con poche frasi la storia del mito, dove “tre più tre per lui fa sempre sette”, portando alla luce la personalità di un individuo tenace, dai comportamenti inconsueti e considerati quasi scandalosi, se si pensa che nel 1917 si sposò solo con una cerimonia civile.

Deciso sempre ad affrontare ogni eccesso, pur di vincere.

_“1049”_ è uno, due, tre racconti, avvincente e ricco di aneddoti, che rivelano come Tazio Nuvolari  fu tra i pochi a conoscere nella sua epoca  la folla, a capire quello che la folla voleva, seppe alimentare il proprio mito.

Non sapremo mai con certezza se fosse facile restare a guardare senza dire niente ma ogni suo atto, ogni suo gesto era previsto e calcolato, pur negli eccessi di una vita di atleta.

Il titolo del romanzo è riferito al numero che l’autovettura da competizione, prodotta dalla Ferrari dal 1947 al 1948, il modello 166 SC, aveva stampigliato sul cofano quando partecipò alla Mille Miglia, nell’edizione del 1948.

Tazio Nuvolari durante quella corsa si ritirò a Reggio Emilia per problemi meccanici quando era ancora in testa alla gara: il pilota fece togliere prima il cofano motore che riportava “1049” per rimediare a una chiusura imperfetta, poi durante il tragitto si staccò un parafango, poi si spaccò il supporto del sediolo del meccanico e infine, dopo una derapata troppo accentuata, si crepò il supporto di una balestra.

A questo punto Enzo Ferrari, poiché Nuvolari non aveva intenzione di far compiere una riparazione per non perdere la testa della classifica, gli impose di fermarsi e di ritirarsi a Reggio Emilia……. ma ora non aggiungo altro.

Non perdetevi l’invenzione della “sbandata controllata” spiegata nel romanzo e ancora oggi usata nei rally.

Per onorarne la memoria, il percorso tradizionale della Mille Miglia dopo la morte di Nuvolari fu modificato, così da transitare per Mantova.

Da allora, fu istituito il GRAN PREMIO NUVOLARI, oggi è Mantova Corse a organizzare la versione moderna del Gran Premio Nuvolari, la prossima edizione si terrà 19 – 20 – 21 – 22 Settembre 2019.

Natale si avvicina!

Un’occasione davvero preziosa per fare scorta di letture o lasciare un segno a chi si vuole bene con un regalo speciale.

Ci aspettano in libreria, la lettura fa benissimo alla salute!

One Comment

  1. Alessandro

    Grazie davvero per aver saputo cogliere l’essenza di un libro che è stato per noi lavoro, ricerca, sacrificio e molto altro. Però ne è valsa la pena perché ci ha consentito di conoscere un uomo, quando tutti conoscono solo il mito. Buona lettura.

    Reply

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.